Aemilia, Fnsi e Aser in aula al fianco dei cronisti: «Chiederemo all’Antimafia di ascoltare i colleghi minacciati»

In Fnsi by redazione SGV

Il presidente Giuseppe Giulietti e la presidente dell’Associazione Stampa dell’Emilia-Romagna, Serena Bersani, presenti oggi in tribunale a Reggio Emilia. «Siamo qui anche per far capire a chi ritiene di poter continuare a minacciare i giornalisti che i colleghi non sono soli», spiegano.

Il presidente della Fnsi, Giuseppe Giulietti, accompagnato dalla presidente dell’Associazione Stampa dell’Emilia-Romagna, Serena Bersani, ha partecipato all’udienza odierna del processo Aemilia. «Abbiamo voluto testimoniare la nostra vicinanza alle colleghe e ai colleghi che, non da oggi, stanno seguendo quotidianamente con grande rigore professionale il processo Aemilia», affermano.

«Siamo venuti – proseguono – anche per far capire a chi, magari anche dalla gabbia degli imputati, ritiene di poter continuare a minacciare e a insolentire i cronisti, che hanno non soltanto il diritto, ma anche il dovere di informare la pubblica opinione sulle infiltrazione mafiose in Emilia-Romagna, che i colleghi non sono soli. Ogni qualvolta, a Reggio Emilia o altrove, un cronista sarà minacciato, chiederemo a tutti gli altri giornalisti di riprendere le loro inchieste e di illuminare le zone di oscurità».

Il presidente Giulietti e il segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso, chiederanno alla presidente della commissione Antimafia Rosy Bindi e al vicepresidente Claudio Fava di acquisire testimonianze e documentazione relative alle ripetute minacce e di convocare per un’audizione una delegazione dei cronisti impegnati nel processo Aemilia.

MULTIMEDIA
La video-intervista al presidente della Fnsi Giuseppe Giulietti
di Benedetta Salsi (Il Resto del Carlino)

 

Post pubblicato sul sito di Fnsi