Il lavoro straordinario va pagato e il forfait non può sopprimere i diritti

In sgv, sindacato giornalisti veneto by SGV Redazione

Il lavoro straordinario va pagato. Senza se e senza ma. La questione è emersa nel corso del direttivo regionale del Sindacato giornalisti Veneto, il primo in presenza, che si è svolto oggi, martedì 15 settembre, a Mestre.

Da più interventi, infatti, è emerso che il ricorso massiccio al “covid working” o ai “lavori domiciliari” che dir si voglia, ha fatto espandere l’arco orario di lavoro richiesto a fronte di aziende che si rifiutano di pagare lo straordinario.

Per evitare qualsiasi equivoco giova ricordare che il direttore o chi da lui delegato negli ordini di servizio di lavoro settimanale deve stabilire anche l’orario giorno per giorno. Se ciò non viene fatto il cdr lo deve pretendere.

In merito alle forfetizzazioni, che le aziende hanno imposto in via unilaterale in particolar modo agli ultimi assunti, la giurisprudenza ha stabilito che le stesse possono fissare un compenso minimo garantito mentre sono da ritenersi invalide se prevedono un compenso massimo: tradotto, significa che se io ho un forfait il cui corrispettivo equivale al costo di 10 ore (calcolate sul mio costo orario maggiorato del 20%), le eccedenti vanno pagate.

Le forfetizzazioni se non sono frutto di un accordo collettivo siglato dal cdr, possono essere disdettate dai colleghi inviando una comunicazione all’azienda nella quale si chiede l’applicazione del Ccnlg.

Se le forfetizzazioni comprendono anche le domeniche, i  festivi,  i superfestivi e i notturni  la cifra indicata deve essere considerata rispetto alla effettiva prestazione di lavoro perché  nessun accordo individuale o aziendale può essere peggiorativo del contratto nazionale ma solo migliorativo.

La Cassazione ha stabilito che se il forfait per straordinario è stato inferiore alla prestazione effettivamente svolta, il lavoratore ha diritto alla differenza retributiva. Per ottenere quanto dovuto bisogna però che il giornalista dimostri che il proprio lavoro extra (notturni straordinari, festivi, domeniche) superava l’importo della forfetizzazione. Quindi il richiedente deve portare la documentazione della prestazione effettuata.

 

Condividimi: