Negazionisti a Padova: intollerabile aggressione ai giornalisti, la condanna di Sindacato e Ordine

In diritto di cronaca, Libertà di stampa by SGV Redazione

Aggrediti e malmenati perché facevano il loro lavoro di cronisti, ovvero documentare quello che stava accadendo.
Sindacato e Ordine dei giornalisti del Veneto condannano con fermezza quando accaduto oggi pomeriggio, domenica 6 settembre,  a Padova in Prato della Valle, durante la manifestazione dei “negazionisti”.
«Prima siamo stati insultati perché indossavamo la mascherina, poi perché volevamo raccogliere le testimonianze dirette, senza filtri, dei presenti. E quando abbiamo cercato comunque di continuare con le interviste allora sono arrivati alle mani, spingendoci e minacciandoci. Sono uno che non si lascia intimidire facilmente ma nel momento in cui sono cominciati i cori “fuori, fuori, fuori”, confesso di essermi impressionato. Mi sembrava di essere ai tempi del Colosseo». Così Ivan Compasso, coordinatore della testata on line Padova Oggi e inviato della trasmissione di Radio Cafè, Il Morning Show, preso a gomitate e a spinte, racconta quanto vissuto insieme al collega Alessio Lasta, della troupe di La7. A scanso di strumentalizzazioni, l’intervento muscolare del “comitato di sicurezza” i cui componenti vestivano gilet arancioni, è stato ripreso dalle telecamere.
«Assurdo e inammissibile che chi chiede libertà di manifestare poi sopprima la libertà di stampa ricorrendo per di più all’uso della violenza. Questi atti – affermano Sindacato e Ordine – sono intollerabili e confermano la deriva culturale di una frangia di società che vuole imporre con la forza ragioni che non hanno alcun fondamento scientifico, e che in questo particolare momento di emergenza sanitaria mette a rischio l’incolumità di tutti».

Condividimi: