Assostampa polesana, confermati Gigli presidente e Romanato fiduciario

In Assostampa provinciali by SGV Redazione

Rinnovamento nella continuità. Un motto che si può adattare alle scelte effettuate dai colleghi giornalisti aderenti all’Associazione polesana della stampa di Rovigo che nelle recenti elezioni hanno confermato quasi in toto il direttivo uscente con Sara Dainese, Alberto Garbellini, Luca Gigli e Maurizio Romanato e hanno visto Riccarda Dalbuoni prendere il posto di Tommaso Moretto.

Il direttivo provinciale si è insediato  giovedì 24 giugno, e, come da statuto, ha distribuito gli incarichi per il prossimo quadriennio. Presidente è stato confermato Luca Gigli, professionista, vice Sara Dainese, collaboratori; fiduciario sindacale Maurizio Romanato, che entrerà nel direttivo regionale; tesoriere e vicepresidente con delega ai professionali Alberto Garbellini, mentre la neoeletta Riccarda Dalbuoni, professionista di Occhiobello, si occuperà principalmente degli uffici stampa. Fanno parte del direttivo anche i rodigini eletti negli organismi di categoria regionali e nazionali Nicola Chiarini e Donato Sinigaglia, il primo come componente del direttivo regionale eletto direttamente dai delegati, ed entrambi consiglieri nazionali dell’Inpgi.

Il direttivo dell’Assostampa di Rovigo ha stabilito, in continuità con il passato, le linee di azione che partono dalla ricerca di una tutela sindacale per i numerosi precari, nel rispetto delle regole professionali e dei contratti di lavoro, la necessità di combattere situazioni di svilimento del lavoro giornalistico cercando di stabilizzare le redazioni o il lavoro dei freelance e per combattere la piaga dell’esercizio abusivo della professione e il conseguente mancato riconoscimento economico e previdenziale. Il direttivo concorda sull’opportunità di un’azione mirata e coordinata con Sgv e Aser e comitato di redazione del Resto del Carlino per scongiurare la chiusura della redazione di Rovigo e per sostenere le richieste di adeguamento salariale dei collaboratori e contrattisti in modo da evitarne le forme di vero e proprio sfruttamento. Inoltre proseguirà l’azione intrapresa per dotare gli enti locali di addetti stampa in regola con la legge 150.

Dal punto di vista della formazione e della cultura, si procederà con un’attività connessa all’apertura al territorio grazie a incontri e a corsi di formazione e aggiornamento, in stretta connessione con il Sindacato veneto e l’Ordine dei giornalisti, come la manifestazione Giornalisti a Rovigo, e il progetto di informazione alle giovani generazioni nelle scuole La passione per la verità (appena possibile) in modo da far comprendere ai giovani i meccanismi per il discernimento tra notizie reali e fake news in un percorso anti parole d’odio, per l’accoglienza, l’inclusione e contro le discriminazioni di ogni genere.

Al direttivo della Polesana gli auguri di buon lavoro di tutto il Sindacato giornalisti Veneto.

Condividimi: