Giornata della memoria: giornalismo in trincea ieri e oggi

In Formazione, Ordine Giornalisti, Sindacato Giornalisti, Unci by SGV Redazione

Una Giornata della memoria per ricordare i giornalisti uccisi o feriti nell’esercizio della loro professione, ma anche per porre l’attenzione sui giornalisti minacciati e spesso costretti a vivere sotto scorta in un’attualità in cui la libertà di stampa è spesso sotto attacco da più fronti.

Ed ecco che la bella iniziativa promossa dall’Unione nazionale cronisti italiani, giunta alla sua XI edizione, e organizzata per l’occasione da Sindacato e Ordine giornalisti del Veneto, con il sostegno della Fnsi e dell’Ordine nazionale, è anche occasione formativa per discutere del “Giornalismo in trincea ieri e oggi”. L’appuntamento è per il prossimo 3 maggio nella Sale Apollinee del Teatro la Fenice a Venezia a partire dalle 9.30. Le iscrizioni sono già possibili tramite la piattaforma Sigef entrando nella sezione Corsi Enti terzi.

Il Veneto, fortunatamente, non ha registrato morti ammazzati fra i giornalisti, ma al corso – sempre che le condizioni di salute lo permettano – interverrà  il cronista di giudiziaria del Gazzettino, Toni Garzotto, oggi 87enne, che nel 1977 fu gambizzato a pochi passi dalla sua abitazione ad Abano Terme. La Giornata ricorderà inoltre Franco Battagliarin, la guardia giurata uccisa il 21 febbraio 1978 nell’attentato nell’allora sede del Gazzettino, in calle delle Acque a Venezia, rivendicato da Ordine Nuovo.

La formula proposta è di portare la testimonianza diretta dei giornalisti che oggi sono costretti a vivere sotto scorta, dei giornalisti feriti nel compimento del proprio lavoro e dei familiari dei giornalisti che hanno pagato con la vita il desiderio di raccontare anche quello che è scomodo, quello che non si deve dire.

Interventi e relazioni si svilupperanno fra le 9.30 e le 13.30

 

Programma

Relazioni di Federica Angeli, Paolo Borrometi e Michele Albanese, giornalisti sotto scorta

Testimonianze di Toni Garzotto, giornalista gambizzato nel 1977 e dei familiari delle vittime

Interventi di Alessandro Galimberti e Leone Zingales, presidente e vice presidente dell’Unci, Carlo Verna presidente Odg nazionale, Giuseppe Giulietti, presidente Fnsi, Monica Andolfatto segretaria Sgv, Gianluca Amadori presidente Odg veneto